Le migliori affettatrici

Avere una affettatrice in cucina è qualcosa che può risultare molto utile, non solo per poter sempre affettare il salume fresco, ma anche per poter tagliare la verdura molto velocemente. Esistono però diversi modelli di affettatrice, piu’ o meno costose, anche per quelle ad uso domestico. Andiamo allora a vedere le differenze

AFFETTATRICI MANUALI O ELETTRICHE

Le affettatrici manuali sono dotate di una manopola (il volano) che deve essere girata manualmente per poter regolare il taglio. Queste affettatrici solitamente sono usate per uso professionale, infatti bisogna avere una certa dimestichezza e forza per poterle utilizzare. Hanno però il vantaggio di non consumare energia elettrica.

Le Affettatrici elettriche sono dotate di un motore e di una spina da attaccare alla corrente e sono quelle piu’ diffuse.  Sono molto più intuitive da usare e non richiedono particolari conoscenze o abilità manuali per il loro utilizzo. Bisogna però stare attenti perchè potrebbero essere molto pericolose, sopratutto se non hanno certi accorgimenti per la sicurezza

AFFETTATRICI VERTICALI O A GRAVITA’

Le affettatrici si possono anche dividere in quelle verticali e quelle a gravità e questo dipende dall’inclinazione della lama.

  • Affettatrici verticali: Sono affettatrici con la lama posizionata in verticale, dunque perpendicolare rispetto al piatto. In questo caso per raccogliere le fette bisognerà utilizzare una pinza apposita per evitare di avvicinare troppo la mano alla lama
  • Affettatrici a gravità: in questo caso invece la lama  è leggermente inclinata e questo fa sì che le fette ricadano sul vassoio per semplice forza di gravità senza bisogno di nulla per prendere la fetta.. Per questo motivo le affettatrici di questo tipo sono più consigliabili per l’utilizzo domestico, perché limitano moltissimo il numero degli incidenti
Rate this post
Tags: